CONFCONSUMATORI CONTRO POSTE ITALIANE ED INVESTIRE SGR, A TUTELA DEI QUOTISTI DEI FONDI IMMOBILIARI IRS ED OBELISCO

0
19

Attività informativa resa nell’ambito del Programma Generale di Intervento 2016 della Regione Puglia realizzato con utilizzo dei fondi del MInistero delle Attività Produttive, ai sensi dell’art 7, comma 6 del DD 24 febbraio 2016

I quotisti dei fondi immobiliari IRS – Invest Real Security (circa 20.000 acquirenti) ed Obelisco (circa 22.000 acquirenti), entrambi collocati da Poste Italiane S.p.A. e gestiti dalla InvestiRE SGR hanno appreso importanti novità che avranno ricadute pesanti sul proprio investimento. Infatti, il fondo Irs, in scadenza il 31 dicembre 2016, è stato chiuso con vendita degli immobili scontati fino all’80% rispetto al NAV di giugno; alcuni immobili di Obelisco, anche se in chiusura nel 2018, sono stati venduti sempre con sconti superiori al 50%.

Tali decisioni comporteranno una drastica riduzione del valore delle quote, stimabile, almeno rispetto al fondo Irs, in circa il 60% in meno del valore iniziale dei titoli. Una vicenda che, soprattutto per quanto riguarda Irs ricorda da vicino il caso Olinda e la gestione di Prelios SGR, già sotto la lente di ingrandimento di Confconsumatori. Tutto questo senza avere preventivamente informato i titolari dei fondi delle operazioni in corso, effettuate, per Irs, a pochi giorni dalla chiusura definitiva del Fondo.

Confconsumatori, come descritto nell’articolo pubblicato sul Sole 24 Ore Plus 24 del 31.12.16, ha chiesto formalmente all’AD di Poste Italiane, Francesco Caio, di trovare forme di salvaguardia e di compensazione dei risparmi delle famiglie e della clientela retail, consapevole che grazie alla fiducia riposta negli Uffici postali, sono stati coinvolti negli acquisti tanti cittadini assolutamente privi di profilo di rischio adeguato alla effettiva rischiosità dei titoli venduti. Secondo gli avv.ti Antonio Pinto e Antonio Amendola, legali di Confconsumatori che stanno seguendo 55 quotisti di Fondi: “la via da percorrere è di agire collettivamente, sia in sede penale promuovendo un esposto che chieda di indagare sulla diligenza nella gestione dei Fondi e sia in sede civile, per far accertare l’invalidità dei contratti di acquisto e la negligenza nella gestione dei Fondi. Tanto al fine di ottenere il risarcimento dei danni subiti”.

Per informazioni rivolgersi a confconsumatoripuglia@yahoo.it.